Obblighi economici

Rinunciare al mantenimento dei figli

rinunciare al mantenimento dei figli

E’ possibile rinunciare all’assegno di mantenimento dei figli? Il collocatario può ridurre l’assegno mensile liquidato dal tribunale in favore del figlio? Rinunciare a incassare il mantenimento dei figli è consentito? E’ possibile accettare un importo inferiore per il mantenimento dei figli?

 

Mantenimento: del coniuge e dei figli

Esiste una differenza importante tra il mantenimento da versare al coniuge dopo la separazione e il contributo da versare in favore dei figli.

La Cassazione ha chiarito, infatti, con ordinanza del 14 dicembre 2018, n. 32529, che il contributo a favore della prole sfugge alla disponibilità del genitore collocatario, il quale non può né rinunciare all’assegno di mantenimento dei figli né ridurlo. L’ordinanza chiarisce che nemmeno il figlio maggiorenne può rinunciare al mantenimento, a meno che non sia diventato economicamente autonomo.

La rinuncia al mantenimento

Non si può, quindi, rinunciare all’assegno di mantenimento dei figli, poiché il genitore che riceve l’assegno non è titolare di un diritto proprio. Il figlio è l’unico titolare dell’assegno e del diritto a percepirlo, anche se materialmente il versamento si effettua nelle mani del genitore collocatario.

Neppure la rinuncia da parte del figlio può esonerare il genitore dal pagamento dell’assegno mensile. Il diritto al mantenimento dei figli fa quindi parte dei cosidetti “diritti indisponibili”, ai quali non si può rinunciare neppure dietro compenso. Di questo genere di diritti si può disporre solamente dietro autorizzazione del giudice, e qualsiasi patto che ne limiti la portata è nullo.

Ad esempio, è nullo il patto tra i genitori volto a ridurre l’importo del mantenimento stabilito dal giudice della separazione. Allo stesso modo, compie un illecito il genitore collocatario che accetti un importo più basso di quello liquidato dal giudice per il mantenimento dei figli.

Come modificare il mantenimento

L’unico modo per cambiare l’importo del mantenimento dei figli o per eliminare l’assegno mensile previsto a loro favore, consiste nel presentare ricorso per la modifica delle condizioni ai sensi dell’art. 710 del codice di procedura civile. Il giudice valuterà, nel merito, se le necessità e le condizioni della prole sono cambiate e provvederà a eliminare l’obbligo.

Avvocato matrimonialista roma, diritto di famiglia roma, esperto separazione divorzio roma
Avv. Piergiorgio Rinaldi, esperto in diritto di famiglia

 

 

 

 

 

Author Profile

Avv. Piergiorgio Rinaldi
Avv. Piergiorgio Rinaldi
La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.
Chiama
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: