Diritto civile della Famiglia Normativa semplificata

La condotta tenuta durante la separazione

comportamenti tenuti durante il giudizio di separazione

I comportamenti tenuti da un coniuge dopo la fase presidenziale della separazione giudiziale, possono assumere rilevanza ai fini dell’addebito?

Separazione: cosa accade dopo la presidenziale

La primissima udienza in sede separativa prende il nome di “udienza presidenziale. Questa udienza è fondamentale, poiché in questa fase i coniugi vengono autorizzati a vivere separatamente e vengono adottati i provvedimenti più urgenti in merito alla gestione dei figli e all’assegnazione della casa coniugale. Vengono anche fissate le modalità di visita tra il genitore non collocatario e la prole, fissando i relativi vincoli economici legati al mantenimento.

Come procede il giudizio di separazione

Dopo la fase presidenziale, il giudizio di separazione giudiziale prosegue per verificare e regolare le questioni economiche che non incidano direttamente sulla prole e per l’eventuale pronuncia di addebito.

La condotta avuta durante il giudizio incide sull’addebito?

In teoria no, in pratica sì. Per l’addebitabilità della separazione possono essere presi in considerazione anche comportamenti successivi all’inizio della causa, come ad esempio una condotta insistente o maltrattante sorta dopo la fase presidenziale e magari emersa proprio a causa della rabbia generatasi dopo un provvedimento poco confortante. La ricostruzione della personalità dei coniugi, quindi, passa anche per le manifestazioni insorte dopo il ricorso depositato dall’avvocato e dopo il primo contatto fondamentale con la magistratura.

La ricostruzione della personalità dei coniugi e l’addebito

Capire il carattere e i comportamenti usuali della coppia è essenziale per il magistrato. Esiste una linea di continuità tra chi siamo e chi siamo stati, pertanto nella sentenza non andranno a confluire solamente le ricostruzioni del passato, ma anche gli atteggiamenti personali tenuti in udienza, la collaborazione con il giudice e con la controparte, e, più in generale, la buona fede nel trattare con l’ex durante il periodo di separazione e l’assenza di comportamenti ostruzionistici o non conformi al dettato dei provvedimenti presidenziali.

Avv. Piergiorgio Rinaldi – avvocato matrimonialista in Roma

social minore
Avv. Piergiorgio Rinaldi, esperto in diritto di famiglia

 

 

Author Profile

Avv. Piergiorgio Rinaldi
Avv. Piergiorgio Rinaldi
La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: