Normativa semplificata Penale di famiglia

Spiare il coniuge è reato

Spiare il coniuge è reato

Spiare il coniuge costituisce reato? E’ possibile registrare o fotografare il coniuge in casa? Posso leggere a corrispondenza di mia moglie o di mio marito? Il coniuge può essere pedinato?

La privacy del coniuge

Ciascun coniuge deve rispettare la sfera privata e personale dell’altro. Generalmente non sono ammesse ingerenze nella privacy del proprio congiunto, tuttavia il diritto alla riservatezza deve essere contemperato con il dovere di assistenza.

I doveri di solidarietà non sono incompatibili con il diritto alla riservatezza: al contrario, ne presuppongono l’esistenza, poiché l’assistenza morale e materiale è possibile solo fra persone che si riconoscono pari dignità (Cass. Pen. 46202/2003 e n. 6727/1994).

Nella sfera della riservatezza rientra il diritto inviolabile alla libertà e segretezza della corrispondenza, già garantito dall’art. 15 della Costituzione.

E’ reato spiare il coniuge?

Ciascun coniuge può mantenere il riserbo sulla propria corrispondenza personale: solo in circostanze eccezionali e in presenza di un interesse oggettivo, l’altro coniuge o i familiari possono accedere alla stessa o chiedere di averne conoscenza.

L’intromissione di un coniuge nella sfera privata dell’altro può costituire una violazione dei doveri coniugali e quindi configurare un reato.

L’intercettazione delle telefonate o della corrispondenza, ad esempio, non può mai essere giustificata dal tentativo di scoprire e provare un tradimento (Cass. Pen. n. 6727/1994).

Quando un coniuge capta, interrompe o impedisce in modo illecito delle comunicazioni o conversazioni dell’altro, può configurarsi il reato di intercettazione fraudolenta, punito con la reclusione da 1 a 4 anni e previsto dall’art. 617 bis c.p.

Quando spiare è consentito dalla legge

Il pedinamento, per esempio effettuato da un investigatore privato, non è invece considerato illecito. Naturalmente, il soggetto pedinato non deve avere consapevolezza di tale attività, altrimenti ne sarebbe allarmato e la prosecuzione dell’attività investigativa costituirebbe una molestia.

Viceversa, appostarsi al fine di fotografare e documentare i comportamenti del coniuge è lecito, e il reportage fotografico entra sempre di più nel processo di Famiglia, al fine di dimostrare l’addebitabilità della separazione. E’ importante ricordare che gli appostamenti e i reportage fotografici possono essere svolti solo all’esterno e che è vietato fotografare all’interno di abitazioni private.

Avvocato matrimonialista roma, diritto di famiglia roma, esperto separazione divorzio roma
Avv. Piergiorgio Rinaldi, esperto certificato in diritto di famiglia

 

Author Profile

Avv. Piergiorgio Rinaldi
Avv. Piergiorgio Rinaldi
La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.

La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.

Call Now Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: