SI PUO’ LASCIARE A CASA UN MINORE?

QUANDO L’ABBANDONO E’ UN PRETESTO

| A CURA DELL’AVV. PIERGIORGIO RINALDI |

SI PUO’ LASCIARE UN MINORE A CASA DA SOLO?

In un recente caso occorso a Roma, un marito era solito appostarsi nei pressi della casa coniugale attendendo che la moglie andasse a fare la spesa lasciando in casa il figlio adolescente.

Nella mente dell’uomo, quella era l’occasione per sostenere che la moglie si fosse macchiata del reato di abbandono di minore; allontanatasi la consorte, l’uomo fingeva infatti di rientrare casualmente in casa e chiamava le forze dell’ordine per denunciare la moglie.

I coniugi stavano affrontando una separazione giudiziale e il marito, temendo di soccombere, cercava di avvantaggiarsi ponendo la donna in cattiva luce e tentando di addossarle querele al fine di sostenerne le cattive capacità genitoriali, in prospettiva di una eventuale CTU.

In realtà, questa condotta è poco originale, poiché sono moltissimi quei genitori che tentano la carta dell’abbandono di minore per chiedere l’affidamento esclusivo, complice lo scarso approfondimento e la disinformazione che si subiscono quando il diritto è prelevato da Internet.

La separazione: quando l'abbandono di minore è un'arma.
La separazione: quando l’abbandono di minore è un’arma.

QUANDO SUSSISTE L’ABBANDONO?

L’abbandono è un reato grave, soprattutto per un genitore tenuto a garantire l’incolumità dei figli.

Ma in quali condizioni scatta realmente il reato di cui all’art. 591 c.p.?

Si ha abbandono quando una persona incapace o minore è lasciata in balia di sé stessa, in una situazione che lasci presumere la possibilità concreta di un pericolo per la vita o per l’incolumità.

Non basta, quindi, separarsi dal minore per fare una commissione o per una normale visita di cortesia ai vicini.

Perché si configuri il reato non è sufficiente la semplice separazione fisica dal minore: serve che quest’ultimo si trovi in una potenziale condizione di concreto pericolo (Cass. Pen. Sez V n. 9276/2009).

Se quindi il minorenne è lasciato in casa, per un periodo ragionevole, in un luogo noto e in condizione di sicurezza (ad esempio davanti alla Tv o mentre fa i compiti), non sussiste alcun reato.

 

IL COMPAGNO PUO’ ESSERE ACCUSATO DI ABBANDONO DI MINORE?

No, perché deve esistere una specifica posizione di garanzia tra il minore e l’adulto.

Sarà il genitore a rispondere dei problemi occorsi al figlio, poichè il compagno / la compagna non è tenuto ad osservare un comportamento che vada oltre il buon senso o la naturale generica osservanza del dovere che ogni adulto deve rispettare evitando di mettere in pericolo un soggetto debole.

La sentenza Cass. Pen. 4407/1998 specifica che il soggetto imputabile del reato di cui all’art. 591 c.p. deve possedere uno specifico rapporto che lo vincoli alla protezione e alla custodia nei confronti del soggetto minore.

Verso la prole dei conviventi, invece, i nuovi compagni non hanno alcuna posizione di garanzia.

 

scuola e famiglie
Avv. Piergiorgio Rinaldi, esperto in diritto di famiglia

Author Profile

Avv. Piergiorgio Rinaldi
Avv. Piergiorgio Rinaldi
La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.