impedire di vedere i bambini è reato

La madre che sceglie di impedire al padre non collocatario di vedere i bambini commette un reato.

Con la sentenza n. 51960 del 2018, la Cassazione ha stabilito che impedire all’altro genitore di vedere i i bambini configura il reato di sottrazione di minore. Il reato comporta la reclusione fino a tre anni.

Impedire di vedere i bambini è reato

Il reato è previsto dall’art. 574 del codice penale. L’articolo prevede che sia punito con la reclusione da uno a tre anni chi sottragga un minore di 14 anni a chi ne abbia la responsabilità genitoriale.

L’articolo si applica anche al genitore collocatario. Anche se sono sempre più frequenti i casi di affido condiviso con collocamento alternato, ancora resiste il vecchio modello nel quale, dopo la separazione, il figlio sia posto a vivere prevalentemente con un solo genitore, con facoltà, per l’altro, di frequentare il bambino nei tempi stabiliti dal giudice.

Il collocamento paritario è in ogni caso sempre meno raro, e si assiste a un cambiamento molto positivo in tal senso. Ciononostante, il vecchio schema con collocamento prevalente presso un solo genitore resiste fortemente e le leggi che favoriscono il collocamento con tempi paritari faticano ad affermarsi nella pratica.

A ciò, si aggiunga che spesso esistono atteggiamenti all’interno della coppia che rendono ancor più difficile la frequentazione tra i figli e il genitore non collocatario.

Un atteggiamento frequente è quello della madre che impedisca la frequentazione asserendo che “il bambino ha detto che non lo vuole vedere” oppure che “il figlio non ha tempo perché deve studiare”: il repertorio delle scuse è sterminato.

Altre ipotesi di intervento

Se il genitore collocatario insiste nell’impedire all’altro genitore di vedere i bambini, si può ipotizzare anche un altro reato, previsto dall’art. 388 del codice penale. L’articolo punisce chi disattende i provvedimenti dell’autorità giudiziaria, con la reclusione fino a tre anni o una multa. Se quindi il giudice, in sede di separazione, ha stabilito precisi turni di frequentazione fra genitori e figli, impedire di vedere i bambini secondo questa turnazione è reato.

Dovremmo tuttavia considerare che spesso è più valido ed efficace il ricorso a strumenti di tipo civilistico, come un’istanza ai sensi dell’art. 709 ter cpc, che può comportare l’ammonimento dell’ex e una serie di altre conseguenze, compresa la condanna all’esborso di una forte somma di denaro.

Avvocato matrimonialista roma, diritto di famiglia roma, esperto separazione divorzio roma
Avv. Piergiorgio Rinaldi, esperto in diritto di famiglia

 

 

 

 

 

Author Profile

Avv. Piergiorgio Rinaldi
Avv. Piergiorgio Rinaldi
La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.

Avv. Piergiorgio Rinaldi

La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.

Potrebbe anche interessarti...

Chiama
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: