Parlar d'altro..

Il P.A.L.P.A.

E’ in arrivo il “Precisissimo Analizzatore del Livello di Punibilita’ dell’Aggressione”

Una recente pronuncia del Tribunale di Torino ha assolto un uomo dalla accusa di violenza sessuale.

L’uomo ha ammesso di aver palpeggiato la malcapitata che lo ha denunciato.

Ma il tribunale di Torino ha dato torto alla donna, assolvendo il quarantaseienne perche’ il fatto non sussiste, in quanto la sua vittima gli avrebbe intimato di smetterla senza gridare, chiedere aiuto o reagire violentemente.

In pratica, se vi mettono una mano sul sedere e voi dite solo “basta” a bassa voce, e’ perche’ siete consenzienti anzi e’ colpa vostra.

Siamo di fronte ad un fenomeno deprecabile da sopprimere quanto prima.

Dio solo sa quante volte ho scritto inutilmente, evidenziando ai gestori del trasporto pubblico romano la necessita’ di maggiori controlli per evitare il diffondersi dell’antipatico fenomeno del “sedere morto”.

Questo e’ il nome della diffusa pratica di poggiare il fondoschiena sulla mano aperta del passeggero di dietro e che, se vogliamo dirla per bene, e’ davvero una cosa che puo’ rovinarti la giornata.

Infatti, metti che sei uscito di casa e devi andare a Piazza della Repubblica, che fai? Col traffico di Roma, o prendi un taxi oppure ti butti con l’utilitaria lungo il Muro Torto, che e’ meglio salutare i figli con affetto e con qualche parola che li aiutera’ nella vita, perche’ potresti rivederli quando sono diventati grandi.

La terza soluzione e’ quella di prendere l’autobus, pero’ se poi ti fanno il “sedere morto” non dire che non lo sapevi.

E’ una vera piaga: sugli autobus ci stanno queste studentesse universitarie che si mettono i jeans attillati e poi salgono sui mezzi pubblici in cerca di uomini di mezza eta’ che si farebbero tanto bene i fatti propri e invece sono costretti a subire molestie ad ogni frenata.

Roba che proprio l’altro giorno ho visto un commercialista di Monteverde piangere, e invece tutti a dirgli “ma che piangi, eri consenziente!” e ancora “e grazie che poi succedono ‘ste cose, guarda come ti vesti!”.

Ma il Comune di Roma ha risolto il problema.

Da maggio sara’ installato su tutti i mezzi pubblici il P.A.L.P.A., acronimo che sta per “Precisissimo Analizzatore del Livello di Punibilita’ dell’Aggressione”.

Il raffinato dispositivo, progettato dagli stessi scienziati comunali che tarano gli autovelox, valutera’ con assoluta precisione l’intensita’ delle rimostranze dei molestati, sulla base di una rigorosa misurazione in decibel delle emissioni sonore della laringe.

Chi si incazza di piu’, insomma, vince la causa.

In progetto anche il P.A.L.P.A. da borsetta e quello da taschino, discreti ma ancora un po’ costosi per il grande pubblico.

Author Profile

Avv. Piergiorgio Rinaldi
Avv. Piergiorgio Rinaldi
La realta' della famiglia in crisi richiede conoscenze approfondite ed una dedizione assoluta. Soprattutto, richiede pratica quotidiana e grande passione personale. Per arrivare al migliore accordo.

0 commenti su “Il P.A.L.P.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Call Now Button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: